Culture, Food, Lifestyle, Places

About local markets and multiculturalism

Local international markets, that’s one of my favourite contradictions. Those markets discoverable only by chance or by sentito dire, that grow like mushrooms in different spots of the city, different by themes and products sold but similar and each unique for that unique melting pot of the sellers. And unique because in those special days there’s a nice courious crowd in the spot: families, friends, couples, single persons that bear a smile on their faces in trying and tasting foreign,genuin products. Then,discussions or coups de foudre about the picture of a special dinner, suggestions on how to eat these delicacies… even I could be a good chef like this! Brussels is unbeatable about food, l place this city even over Italy: as capital of the European Union there are all kind of national cuisines for all the exigences. There you go for luxury, Michelin stars’ awarded restaurants (eg, Belga Queen) to everyday-delicious places. The smell of  delicacies and beer is always in the air. I’m not going to stop in a too long list that would took me hours, l was simply talking about markets. And l recalled Brussels because actually two of the best internationals (and l am talking of an international cradle) were really close to my beloved home: sunday morning in Place Flagey and wednesday afternoon in Place de la Chatelaine. The latter in particular was my favourite, l haven’t missed a walk there since when l first discovered its existence. The neighborhood – my neighboorhood- is antique and picturesque, and it’s not a case if it’s called “little Paris” for all the lights along the little streets opening up on the square. A single girl with boring, unsimpathetic and unfunny flatmates suffers longing to buy everything with the only imagination either to get fat alone either to forget everything in the fridge. So, as long as l remember just once i managed to prepare myself a goat cheese salad without the salad, ergo with frozen green beans  (I love eating as much l hate have a good dish alone or have to eat it two times, so I found smarter to fill the freezer. My parents were shocked once they found in june the same prosciutto they gave me in february). It was not really the eating part, but the chatting and discovering one. And of course, cocktail hour there. Not take-away, but enjoy-the-moment-in-the-place. When cheering in the crowd, it’s better not to take pictures, so the ones in the link below could have been taken by me on the solitary walk part.

http://bonjourbruxelles.blogspot.it/2011/06/le-marche-de-place-du-chatelain.html

So, can you imagine how happy l was to discover that in Livorno for a weekend we had an international market of that stile (less elegant but still..!) ? Another motto of mine is: “If you don’t come to the world, the world comes to you”. Two  weekends ago l had the belgian friends; last one I cought the colourful world with my friend Laura,talking with different people of different nationalities: russians, dutchs, brasilians, spanish, irish, french… I was so impressed and happy to meet those people: real travellers with real stories, smiling and partying even though working. Sunday evening many of them were about to go back to their refurnishment spot soon after with a long drive, to be ready to be on thursday in Grosseto or elsewhere. A big camion contains their office, then they’re free to go where they want. My dearest friends there have been the french, and whoever stops in a special market like this one in Italy should try Vincent’s biscuits. He’s a true breton defending the cause that French Riviera is not France because there’s no french people anymore but italians, russians, arabians etc. His biscuits are like his ideas: originally french. Here’s the link of his site http://www.biscuiterie-de-kerlann.com/index.php?idpage=1&idarticle=45. I had the fortune to visit Bretagne when l was little,- and little by little many regions of that beautiful country-, but l am glad to see that wherever l go and live, France is not far and by far those biscuits are like the ones l had locally when I was a child. Here’s a photo taken in Mont Saint-Michel, in Normandie.

NORMANDIA

Je ne veux pas traduire ce post en italien car je devrais d’abord le traduir en français pour la joie que j’ai d’utiliser cette langue et pour la supremacie que je lui donne parmis toutes les autres. Donc desolée pour mes compatriotes mais ce post va rester dans la langue que mon coeur aurait choisi  s’il aurait pu.

Standard
Lifestyle

Tips to avoid diets and unnatural sports.

1 – Drink water, starting with at least 0.5L in the morning with empty stomach;
2 – Eat slowly, taste and feel the food. Like this, it will be fully integrated and absorbed by the organism, -and you are even going to enjoy more! – ;
3 – Walk like a ballerina;
4 – Avoid elevators;
5 – Walk the stairs on the tip of your feet;
6 – Patient 4 hours before having another meal;
7 – Use salad instead of bread to accompany food;
8 – Drink a coffee or eat a boiled egg before a too tempting dinner;
9 – Wear over-the-navel jeans;
10 – Train your muscles in front of your computer (gymstill.com);
11 – Have at least one breakfast per week with fruits;
12 – Eat a piece of chocolate instead of a lot of fruits. There’s sugar in both, but with the former you’re going to be happier, and you won’t feel the need of eating other sweets;
13 – Write down all that you eat;
14 – Have fun with a giant balloon;
15 – Purify yourself with green tea;
16 – Play the squirrel! Alas, eat nuts, hazelnuts, peanuts….in doses of 30g;
17 – Put pepper and spices in all plates and avoid as much as you can salt. The former give the sensation of fullness,and don’t let you down (like ginger, there’s something aphrodisiac). I like to imagine spices fighting with fats and batteries too;
18 – Always take care of your fridge. The enemy is indecision, not impossibility. Indecision in contemplating,it’s more cool;
19 – Try not to watch the clock;
20 – Smile and laugh at the point to feel your belly aching. This is a great job for six packs;
21 – Walk, walk, walk…
22 – Bike,bike, bike…
23 – Or, park the car as far as possible;
24 – Any energy spent before breakfast burns the hardest fats to be eliminated!
25 – Make yourself a gift with bigger breakfasts… Possibly, carbs should be consumed here.
26 – Stay in bed as much as you can during the day;
27 – Stay awake as much as you can during the night;
28 – Smoke instead of eating;
29 – Talk instead of eating and smoking;
30 – If you don’t smoke and you don’t talk, – that’s no sexy -, chew a sugarfree chewing-gum nervously and be bored.

This is an unorthodox, ironic diet and obviously it is unprovided of any scientific evidence. Yet, the efficacy should be tested…

Personally, l’ve been a sporty girl once upon a time. l played tennis and danced since when l was 5, l even took part in competitions in the former. Yet l remember l really didn’t care, the first (and only) time l won a beneficence tournament in my tennis club l sent my mom at the award to get my cup because as we were leaving the next day for one month, l wanted to say hello to my first boyfriend and found a lot of excuses, I even prayed her to wear my skirt..! I was 14. Romance has always played a great part in my life and sweating, running and suffering can’t be added to this burden.

The fact is this, and women may argue: we haven’t born to do sport and running to chase food is a primary man’s task.

320px-Modelo_Lola

 30 CONSIGLI PER EVITARE DIETE E SPORT INNATURALI

  • Bevi tanta acqua, partendo dalla mattina a stomaco vuoto con 0.5L;
  • Mangia lentamente, assaporando il cibo. Così sarà totalmente assorbito dall’organismo e lo apprezzerai anche di più;ù
  • Cammina come una ballerina;
  • Evita gli ascensori;
  • Sali le scale in punta di piedi;
  • Pazienta almeno 4 ore tra un pasto e l’altro;
  • Usa insalata invece di pane per accompagnare una pietanza;
  • Bevi un caffé o mangia un uovo sodo prima di una cena succulenta;
  • Indossa jeans a vita alta;
  • Allena i tuoi muscoli di fronte al computer (gymstill.com);
  • Almeno una volta a settimana fai una colazione di sola frutta;
  • Mangia un pezzetto di cioccolata invece di tanta frutta. Lo zucchero c’è in entrambe, ma la soddisfazione ricavata dalla prima è indubbiamente superiore e non avrai voglia di mangiare altri dolci;
  • Scrivi tutto quello che mangi;
  • Divertiti con un pallone gigante;
  • Purificati col the verde;
  • Gioca allo scoiattolo! Ovvero, mangia noci, mandorle, noccioline in dosi di 30g;
  • Condisci ogni piatto con spezie, pepe e peperoncino, evitando il sale il più possibile. Le prime danno una sensazione di pienezza e non buttano giù (come al ginger, vi sono attribuiti poteri afrodisiaci). Mi piace immaginare le spezie piccanti combattere i grassi e i batteri;
  • Prenditi cura del frigo. Il nemico è l’indecisione, non l’impossibilità. E l’indecisione di fronte all’abbondanza è decisamente positiva psicologicamente;
  • Cerca di non guardare l’orologio;
  • Sorridi e ridi al punto di avere il mal di pancia. E’ perfetto per degli addominali scolpiti;
  • Cammina;
  • Pedala;
  • O, parcheggia la macchina il più lontano possibile;
  • Ogni energia consumata prima della colazione brucia i grassi più difficili da eliminare;
  • Fatti un regalo con colazioni abbondanti… Possibilmente, è l’unica occasione buona per mangiare carboidrati;
  • Stai a letto il più possibile durante il giorno;
  • Stai sveglio il più possibile durante la notte;
  • Fuma invece di mangiare;
  • Parla per non mangiare o fumare;
  • Se non fumi e se non parli, – sexy sotto zero -, mastica un chewing-gum senza zucchero nervosamente, e sii annoiata.

Questa è una dieta ironica e poco ortodossa, priva ovviamente di qualsiasi evidenza scientifica. Certo è che, provare per credere….

Personalmente sono stata una ragazza sportiva, tempo fa. Ho giocato a tennis e ho danzato da quando avevo 5 anni e sono stata perfino nell’agonoistica. Ricordo però che mi interessava poco e la prima (e l’ultima) volta che ho vnto un torneo di beneficenza mandai mia madre alla premiazione con una mia minigonna, implorando che dovevo salutare il mio primo fidanzatino prima di partire per un mese..! Avevo 14 anni. Il romanticismo ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita e sudare, correre e soffrire non può aggiungersi a questo peso.

Alcune donne possono anche criticarmi ma il fatto è questo: non siamo nate per fare sport e correre per procurare il cibo è da sempre il primo compito dell’uomo.

Standard

Displaced olive

Lifestyle

Displaced olive

Image
Culture, Lifestyle, Places

How everybody might enjoy Livorno.

Every Livornese to be pretends he hates this city and wants to go away, though at the end most remains and the ones who go away return. l am in the last cathegory and I actually do not hate this city, as l explained in the section About. I see it from pink lenses and distant eyes, pretending l am a foregneir sometimes (luckily, my accent is not the one typical in town), with annoying people.  Boredom is for the poor of spirit, and l see a lot of boring things going around here, but l don’t care. I find my ways that l’ll soon tell you… A belgian friend is coming over the week end and in my mind a lot of possible things to do appears. Yes, a lot. Because Livorno is like every place in the world, and better than many. We might not have clubs in the city, but l don’t certainly care, we can drive to Forte dei Marmi or Florence fast. We do have bars and for me it’s enough.  l still prefer listening to a friend with a cup in my hands and meeting new people talking and laughing or whatever but just not sweat in a discoteque.  Still, being common is being out of place for the best, everywhere. My perfect days here in this very city (it’s so easy to go in the surroundings, but let’s keep concentrated on the 104 km² area) would rate some places, from morning to night.

  • Have breakfast in La Baracchina Rossa (red shack). l suggest you to try an almond croissant and ask the coffee to Albertino. I think this is the most charming place on the seaside in the Ardenza neighborhood, and not surprisingly many famous painters use to have my idea, too.  Let me remind you that this is a city of art: Modigliani and Fattori started as local paintings, and the movie tradition keeps on from Visconti to Virzì. This place is always opened and right anytime during the day; l just don’t appreciate the after dinner, overcrowded mostly by the annoyed people that think there’s nothing else to do and this is where to appear. Sorry friends, this is my opinion and l’ve never hidden it… If the weather is bad go to Cerretini or Cristiani, both comfortable and very crafty confectionery. If it’s sunday or you’ve a meeting or you just want to spoil yourself l’d suggest to have a brunch at Grand Hotel Palazzo.  It’s a true continental breakfast, worthy of the best hotels.
http://www.grandhotelpalazzo.comView on Terrazza Mascagni by its roofgarden

http://www.grandhotelpalazzo.comView on Terrazza Mascagni by its roofgarden

  • Piazza Cavallotti is maybe too shockingly popular at first impact, but it’s part of the charme. Go to la Barrocciaia for a sandwich and have some Frati and Scagliozzi at the next shop. In the morning, when the big closed market is open, other delicacies are easy to find while open air great vegetables  are sold at a good price. A morning walk is nice out there, but don’t go further in the city by now as architecture is not something to be proud of here, apart the beautiful buildings along the seaside, built during Fascism.

549962961

  • Have lunch at l’Ostricaio, very close to baracchina rossa (there’s also a white shack and it’s nice to have coffees too). Booking is suggested because it’s always full, especially on the little balcony that looks out on the sea. Fish is fresh, hedgehogh spaghettis are lovely in the right period (months with the R, like october).

ostricaiol-ostricaio

  • If you can’t go on a boat exploring the sea in places worldwide recognised and protected such as La Meloria or Castle Sonnino (the islands Elba, Capraia, Gorgona and even Corsica are easy to join) go have a walk at Villa Fabbricotti or Villa Mimbelli. In the former there’s a library where the students use to pretend to study, there’s such a nice atmosphere.
La Meloria

La Meloria

Villa Fabbricotti

Villa Fabbricotti

  • Cocktail hour and possible dinner in Calafuria, romantic place standing over the seaside with a tower on its left. Looking at the stars enlightened by the moon, all reflecting their shines on the seaside is beautiful especially because our sky is so dark compared to the one l admire in French Riviera….Reminds me of Van Gogh’s painting “The Starry Night”. Otherwise in the city I’d say Vinaino, Nelson pub or cantina Nardi for just a good glass of wine.

Full moon in Calafuria

t5_livorno_castello_del_boccale_4e37ccc67961d_20110802_120910

  • Dinner, there are so many places…. We’re the country of good restaurant and everywhere you go you’ll just fall in amazement for the quality given at such small prices. Anyway, my favourite restaurants are: Le Volte, Vizi e Virtù, Il forte San Pietro, Il rifugio, Kavarna Vinarna, In vernice, and even any japanese or chinese..!  But to eat the best meat and pizzas and to have truffles accompanied by a possibility of a huge range of wines,- including the best French ones-, go to La Bisteccheria, in Montenero (a little mountain over Ardenza neighborood that gifts with splendid panoramas).
in Venezia

in Venezia

Sanctuary of Montenero

Sanctuary of Montenero

  • After dinner, this is the question. There’s no club or whatsoever. Venezia neighborhood is quite alive, if for that you entend people standing noisy on the streets for hours and difficulties to get a proper drink at La bodeguita, very crouded though the nice floating boat and the music alive. Yet mostly people are out, because this is one place to be for youngsters, that in Livorno is not such as glamour as it should. Il mediterraneo around there is better for drinks and lights. I keep on going at Alcatraz,- a more elegant bar in a “dungeon” that faces the canals, or having a glass of wine at my ex tennis teacher’s restaurant Il forte San Pietro, already quoted ahead. Otherwise Castiglioncello, -a little town 15 minutes drive-, or the glamour Versilia, but those places deserve another post. Simply, in Livorno many times l’d rather stay home or organize private parties.

I was forgetting: go to Civili and drink a ponce,- a very alchoolic local coffe-. The place too is very, very local. There are people playing cards and a smoking area inside.

Oh, and go to the American market and visit the Jewish synagogue. Does anybody knew that Livorno is the biggest Jewish community? Once upon a time (XVIth century) it born to give repair to neglected and criminals, then it grew up and became one of the most important harbours in Italy. At the beginning it was the place where the neglected of society and criminals found rrepair from persecutions (thanks to the livornine laws by Leopoldo Dei Medici). So, l am seriously talking of a very multicultural place that thanks to this now is very traditional and even closed minded! …And that makes us phisycally quite beautiful according to one of my mottos “diversity  is beauty”.

So, this weekend l’ll reshow my friend (shes’s already been here in many summers) the city during fall and we’ll rock it as only foreigners can do here. Not caring, enjoying the trueness of the place.

——————————————————————–

Ogni livornese che si rispetti dice di odiare questa città e pensa solo ad andarsene. Ma spesso coloro che se ne vanno sono quelli che la amano di più, e io ne so qualcosa. Abbiamo uno splendido lungomare, dei tramonti mozzafiato (che in Costa Azzurra non si vedono!), un monte nella città che regala panorami differenti (Montenero).  Vedo la mia città con lenti rosa e non posso annoiarmi,- la noia è per i poveri di spirito-.  Questo weekend viene a trovarmi una cara amica belga e ho un sacco di idee. So che si lamenterà che non ci sono discoteche, ma per me questa è una gioia anche se poi, volendo, sono nelle località circostanti. Preferisco di gran lunga le conoscenze faccia a faccia e detesto l’appiccicume! Comunque suggerisco come dovrebbe essere una giornata-tipo dalla colazione al dopocena. Adoro i croissant alla mandorla della Baracchina Rossa e i caffè di Albertino e mi piace conversare con gli artisti locali che hanno la mia opinione sul pittoresco di tale posto. Ricordiamoci che Modigliani e Fattori erano livornesi, e tanti pittori importanti vengono da questa stessa città. Questo posto va bene in qualsiasi ora della giornata ma lo sconsiglierei per il dopocena, in quanto diventa il place-to-be, quello sovraffollato da gente che va lì solo per farsi vedere e lamentarsi. Scusate amici, ma questa è la mia opinione. Se solo la gente consumasse e si sedesse ai tavoli… Se il tempo è peggiore o preferite restare in città consiglio Cristiani o Cerretini, due libidinose pasticcerie. Per viziarsi un brunch al Grand Hotel Palazzo… La mattina trovo che piazza Cavallotti ha un grande charme. E’ un mercato di frutta e verdura all’aria aperta dove può essere apprezzata la vera livornesità/grebanità di chi grida a voce alta i prezzi e cerca di adescare clienti. Per ogni altro tipo di cibo il mercato coperto ha ottimi prodotti freschi. Ma in questa piazza per favore provate a mangiarvi un frate o a prendere un sacchetto di scagliozzi…. O rimanete a pranzo a La barrocciaia, proprio accanto a questa particolare friggitoria. Meglio non addentrarsi nella città in quanto l’architettura è assai sgradevole e grossolana. Sarà anche parte dello charme questa trasandatezza, infatti ciò che è ricostruito con stile moderno, -come a mio parere piazza Attias-, è per me come un pugno in un occhio. Sarà che sono classicista ma le palazzine costruite sotto il tempo del fascismo sul viale Italia in stili eleganti e bizantini credo che siano le uniche costruzioni degne di nota e alle quale del resto tutti i livornesi riconoscono la bellezza. Come l’ospedale, sempre costruito negli anni del fascismo, che dopo averlo rifatto pur mantenendone l’autenticità adesso dovrebbero spostare a Montenero. A pranzo è particolarmente gradevole l’Ostricaio, vicinissimo alla Baracchina rossa. E’ consigliabile prenotare perchè il posto è sempre pieno, soprattutto il terrazzino che si affaccia sul mare. Il pesce è fresco e nei periodi giusti si possono mangiare degli ottimi spaghetti al riccio. Se non si ha la possibilità di andare in barca ad esplorare il patrimonio ittico (mi riferisco alla Meloria) consiglio di fare una passeggiata nei nostri parchi, Villa Fabbricotti e Villa Mimbelli. Nella prima c’è una libreria dove gli studenti vanno a far perlopiù finta di studiare. Un aperitivo o una cena a Calafuria, per assaporare puro romanticismo. Completamente sul mare,a sinistra del posto c’è una torretta, a destra gli scogli: guardare la luna e le stelle da questa postazione è come guardare a “La notte stellata” di Van Gogh. Il cielo livornese è così nero rispetto all’azur foncé dei nostri cugini francesi. In città, buoni apertivi al Nelson pub e da Vinaino. Per cena i miei posti preferiti sono Le Volte, Vizi e Virtù, Il Forte San Pietro, Il rifugio, Kavarna, in Vernice… ma anche i vari giapponesi e cinesi li trovo apprezzabili! Comunque le soddisfazioni più grandi per quantità, qualità, servizio e carta dei vini le ho in Bisteccheria, a Montenero. Non lasciatevi ingannare dal nome perchè il posto è elegante, servono subito un aperitivo con spumante e hanno dei vini francesi mozzafiato. Inoltre, hanno il tartufo in tutte le stagioni (anche se adesso sarà sicuramente al top). Il dopocena è la nota dolente di Livorno perchè anche ad andare nei posti caratteristici,-come la Bodeguita, ristorante su una zattera galleggiante con musica dal vivo-, si cade nelle masse affollate, in squallidi bicchieri di plastica e spintoni.  Sconsiglio di proseguire con i tacchi a meno che,sempre in zona, non si entri al Mediterraneo o non si vada all’Alcatraz, cantina sotterranea che si affaccia sui canali con un caratteristico sommozzatore all’esterno. Altrimenti, tanto vale fare feste private e rimanersene a casa.

Scordavo di rammentare il Civili per un ponce,-caffè caratteristico molto alcolico-, e il mercatino americano. Poi, quanti sanno che Livorno ha la più grande comunità ebraica d’Italia? Nel XVI secolo con le Leggi Livornine Leopoldo dei Medici fece di questa palude un porto franco. Da qui si spiega la multiculturalità e, nonostante talvolta la volgarità, la bellezza degli abitanti 😉

Sono pronta per accogliere la mia amica e dagli occhi di due ragazze che conoscono Bruxelles abbastanza bene ridere e godere della semplicità ma anche autenticità e bellezza del posto che mi ha dato la vita.

Standard
Politics

Being fined in Italy o Quanto rubano i comuni?!

P_20131017_102446fotoDopo due mesi ricevo una simpatica multa a casa per essere passata in una zona con telecamere alle 22.00 il 27/7, durante il periodo di Effetto Venezia a Livorno. Per chi non lo sapesse, questo è un evento altamente folkloristico che prende posto in quel quartiere chiamato in onore dell’omonima città per la presenza di caratteristici canali che però nella mia città vengono chiamati “fossi”. In tale occasione ci sono rappresentazioni intrise di livornesità, bancarelle con i cibi tipici dei luna park e altre svariate con gingilli vari, più illuminazioni particolari. E’ caratteristico e a me personalmente piace ma piace meno a chi abita in tale zona o a chi deve raggiungerla in macchina, perchè ovviamente la polizia cerca qualche soluzione in più per penalizzare e fregare i cittadini. Nel mio caso, a quanto pare, scrivendo in alto a destra del cartello già alto di suo, con uno sticker piccolissimo, che il divieto di circolazione per i non residenti è esteso a 24 ore nel periodo che intercorre con la manifestazione. Ovviamente poi siamo tutti a conoscenza delle ordinanze del sindaco perchè siamo assidui spettatori di Tele Granducato e ci informiamo sui documenti ufficiali. Machescherziamo?! “Ignorantia legis non excusat”…. Ma la cosa che fa innervosire è che nonostante ci sia la possibilità del ricorso e ci siano alte possibilità di vincerlo qualcosa qualcuno si prende. Nel mio piccolo caso un contributo unificato (la marca da bollo è necessaria oltre i 1100€ di sanzione) che si aggiunge alla multa se la causa viene persa. Vale la pena reagire a un’ingiustiza in questo caso? Sarei tanto curiosa di sapere dove vanno a finire tutti i soldi che i comuni guadagnano con le multe. Ci pensate solo agli autovelox, quanti automobilisti beccano? Firenze dev’essere ricchissima, là fotografano qualsiasi piccola distrazione (motivo per cui continuo a prendere il treno o ad andare in macchina di altri). E con tutti questi MILIONI di euro, cosa ci fanno?! Nelle tasche di chi vanno!? Per caso i treni sono belli, i trasporti pubblici efficienti, c’è pulizia in giro?! E pensare che quando ho distrutto la precedente macchina di mia madre (una mercedes classe A) investendo la centralina delle telecamere livornesi in un meraviglioso giro a 360° finito contro il muretto del porto ho dovuto pure ripagare tale attrezzo, oltre alla rottamazione. Dovevo essere semmai ripagata per lo spettacolo che ho dato. Comunque ohimé, non si può ricorrere alla burocrazia senza rimetterci, e ricordo che siamo l’unico paese nel quale occorre presentare sul passaporto una marca da bollo sugli 80€; occhio a dove scappate e per quanto! Come diceva mio nonno, i magnaufo ti trovano ovunque tu sia se sei “in torto”. Tante spirali burocratiche che mi fanno venire il voltastomaco perchè vivere in Italia per quanto meraviglioso ha un prezzo troppo alto… di sopportazione. Questo per dire che siamo perennemente bollati in quanto italiani iuris sanguinis. Sullo iuris soli ho qualche dubbio: ad esempio, se decido di far nascere i miei figli in Inghilterra ci vorrà un bollo reale o potrò respirare durante il travaglio?

Standard
Culture

Woody Allen in Europe

It’s amazing how this author manages to give such deep insides in his characters. This is true for all his movies, but reaches the highest heights in the ones turned in Europe in the past years, where not only he catches them but he even places them in a particular nation’s frame. A frame given not only by that particular mentality but also by the scenarios, never left at odds. The movies and the insights I am referring to are:

  • 2005, Match Point.

main_picdownload (2)

It’s a thriller produced and filmed in London after Allen had difficulties finding financial support in New York. The cast was to be mostly english and even the plot was to be adapted to more british tastes. The drama is about morality,ambition, lust, passion, greed,money. Since the beginning the theme of relativityand possibility appears: a tennis ball is on the net, who will be the winner in this match point? Femme fatale Scarlet Johansson is the net in the match of the protagonist, a former tennis pro who’s married for ambition and is raising the social stair. The choice between passion and ambition must be taken after an accident coming purely by the fomer. This is by far one of the movies that by the end leaves the audience shocked for the depth,the cynism and the cold  it transmits. And this is by far the darker in the european serie. no wonder it takes place in London!

  • 2008, Vicky Cristina Barcelona

Vicky_cristina_barcelonaIt’s a romantic comedy drama set in Barcelona. Two girlfriends very different from temper,- Vicky studies Catalan culture and is engaged to be married while Cristina had spent the winter writing and acting in a 12 minutes film on love, ”that too vaste argument to approach in such a time”-, decides to spend their summer in the Catalan capital. They attractes the sexy painter Juan Antonio (Javier Bardem) who is still in love with his crazy and emotionally unstable ex wife Maria Elena (Penelope Cruz) though troubled. Without saying the plot, the affair gets to center on four characters, with the poor husband of Vicky out of knowledge of the meeting. On this set the beautiful couple Cruz-Bardem took shape.

bardem vicky cristina barcelona

VCB2

 

 

 

 

 

  • 2011, Midnight in Paris.

midnight-in-paris-movie

midnight in paris top post-thumb-600x400-53668It’s a romantic comedy film fantasy taking place in Paris. Gill Pender (Owen Wilson) is a romantic,dreamy screenwriter who is forced to confront the shortcomings of his relationship with his materialistic fiancée. Wondering about in Paris refusing to go at a party ,at midnight he encounters a series of people that made the literature and art of the first XXth century, – such as Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald and his funny though mad wife Zelda, Salvador Dalí, Picasso, Gertrude Stein and others-. The movie explores themes of nostalgia and modernism. The cast is excellent, and the role of Gill fits perfectly on Owen Wilson, like the one of his fiancée interpreted by Rachel McAdams,who is well remembered in Mean Girls playing the bitchy barbie queen. Though there are a lot of amusing gags and dialogues, this film makes think over the unsatisfaction we live in each historical period by dreamy eyes. This film is by far one of my favourites, because I myself am lost in contemplation of arts and especially in Paris I am head over heels… from the very beginning, that is like a postcards of that magic city, I knew I would have considered this film an absolute masterpiece, so poetic as it is. Woody Allen catches the greatest scenarios, that’s why I also liked his last film.

  • 2012, To Rome with love.

kinopoisk.ru

Always starring a great cast of actors, with some locals, this film mixes four different stories framed by the Eternal City. Italians are highly stereotyped: unfaithful, seeking a shallow success, following celebs in bed because “the situation makes the man a thief”. Though many Italians have argued against that, making it personal, I can see how we are seen by the eyes of foreigners, and Allen catches our stereotyped characteristic without neglecting the beauty we only own, with a smile. So the materialistic father in law of an Italian lawyer that wants to defend the poors manages to appreciate so much how his brother in law (an undertaker!) sings under the shower that makes of it an Opera business and around the infidelities, there are couples that truly love each other. I remember I watched this film with my grandmother, and we both enjoyed and made nice critics over it.

Thank you Woody to have gifted Europe with such artworks. One of my dreams is starring in your next one!

————————————————————————————————————————–

E’ meraviglioso come questo autore riesca a definire  i suoi personaggi. Questo è vero per tutti i suoi film, ma raggiunge le vette più alte negli ultimi girati in Europa, dove non solo li coglie, ma li inserisce anche nella propria particolare cornice nazionale. Una cornice non solo data da tale particolare mentalità, ma anche dagli scenari, mai lasciati al caso.I film a cui mi riferisco sono:

– 2005, Match Point. Thriller prodotto e filmato a Londra in quanto l’autore aveva avuto difficoltà a trovare supporto finanziario a New York, il cast è per la maggior parte inglese e anche la tramaè stata riadattata a gusti più british. La storia tratta di moralità, ambizione, avidità, passione, denaro. Sin dall’inizio appare il tema della relatività e della possibilità:  una pallina da tennis è sul net, chi sarà il vincitore di questo match point? La fatale Scarlet Johansson è il net nel match del protagonista, un ex campione di tennis che si è sposato per l’ambizione di salire la scala sociale grazie a questo matrimonio. La sceltra tra ambizione e passione tuttavia deve essere presa a seguito di un incidente che viene necessariamente da quest’ultima, nello stato più puro. Questo è di gran lunga il film che lascia più in suspence l’audience, caricandola di aspettative e infine scioccando per il cinismo e la freddezza che manifesta. Non stupisce che in questa serie europea una trama del genera prenda forma a Londra!

– 2008, Vicky Cristina Barcelona è una commedia romantica. Due amiche molto diverse caratterialmente,- Vicky studia la cultura Catalana ed è fidanzata pronta a sposarsi a breve, mentre Cristina ha passato l’inverno scrivendo e recitando in un film della durata di 12 minuti sull’amore, “quell’argomento decisamente troppo vasto per essere trattato in tali tempi”-,  decidono di passare l’estate nella capitale Catalana. Una sera attraggono l’affascinante pittore Juan Antonio (Javier Bardem), sempre preso dalla sua pazza ed emotivamente instabile ex moglie Maria Elena (Penelope Cruz) e pertanto turbato. Senza voler svelare la trama, l’affaire si sviluppa tra questi quattro personaggi, tenendo il povero futuro marito di Vicky all’oscuro delle tribolazioni. Su questo set è scoppiato l’amore tra Penelope Cruz e Javier Bardem.

– 2011, Midnight in Paris è una fantasiosa commedia romantica girata a Parigi. Gill Pender (Owen Wilson) è uno sceneggiatore romantico e sognatore alle strette nella relazione con la sua fidanzata materialista. Rifiutandosi di andare in un locale e decidendo invece di gironzolare per Parigi, è abbordato a mezzanotte da una serie di personaggi che hanno fatto la storia dell’inizio del XXesimo secolo,- Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald con la sua moglie divertente e instabile, Salvador Dalì, Picasso, Gertrude Stein etc.-. Il film tratta di temi come la nostalgia e il modernismo. Il cast è eccellente e il ruolo di Gill calza a pennello su Owen Wilson, come del resto quello della sua fidanzata che è interpretata da Rachel McAdams, ben ricordata nel ruolo della barbie Regina in Mean Girls. Nonostante le numerose gag e i dialoghi brillanti, questo film fa pensare all’insoddisfazione che potenzialmente viviamo in ogni periodo storico, con occhi sognanti. Questo è di gran lungauno dei miei film preferiti, perchè io stessa sono una contemplatrice delle arti e specialmente a Parigi ho la testa fra le nuvole e sogno… Dalle prime inquadrature che colgono la città facendone una cartolina magica sapevo che avrei considerato questo film così poetico come un assoluto capolavoro.Woody Allen coglie i migliori scenari, e questo è uno dei motivi per cui mi è piaciuto anche il suo ultimo film.

– 2012, To Rome with love.  Presentando sempre un ottimo cast di attori, tra cui anche locali questo film mescola quattro storie differenti che si sviluppano nella cornice della Città Eterna. Gli italiani sono altamente stereotipati: infedeli, alla ricerca di un fugace successo, inseguitori di avventure tra le lenzuola perchè “l’occasione fa l’uomo ladro”. Nonostante molti italiani l’abbiano presa sul personale e abbiano criticato il film, capisco come siamo visti agli occhi dello straniero, e Allen coglie queste nostre caratteristiche stereotipate senza trascurare la bellezza che abbiamo, con un sorriso. E’ così che il materialista suocero di un giovane avvocato italiano che vuole difendere i poveri aiuta il cognato (un becchino!) a fare del suo cantare sotto la doccia un business di Opera lirica. Intorno alle infedelità, ci sono coppie che si amano veramente. Ricordo di aver visto questo film con la mia nonna, entrambe ci abbiamo riso e ne abbiamo fatto un’ottima critica. Entrambe amiamo l’Italia.

Grazie Woody per avere donato all’Europa queste opere d’arte. Uno dei miei sogni e fare parte della tua prossima!

Standard

The main reason to love fall is food.

Preparation of a perfect autumnal dinner: caldarroste (chestnuts), porcini mushrooms and bloody horse meat. A Côte du Rhône on the table…

Food

The main reason to love fall is food.

Image