Places

My as concise as possible tips for Brussels to friends

I miss you everyday of my life, was so intense a period… So bohéme how I was living! There are many places I couldn’t write in that small paper, for more infos I’m available to help as it is so beautiful remembering. I will come back there soon I hope, maybe in June for the Saint Plon’s birthday (still have to figure it out, if you my friends Giuseppe, Marina & family are reading be aware that thesis or not, I could and I would try to make it !)

20140430-125849.jpg

20140430-130936.jpg

20140430-130944.jpg

20140430-131016.jpg

Standard
Places

Top marques

20140423-125818.jpg

Pendant la semaine passée la principauté été obsédée avec le tennis et les top marques, c’est à dire le niveau plus haut en matière de voitures, vélivoles, bateaux, joyaux. J’ai reçu une invitation à la dernière minute et malheureusement après la soirée au Jimmy’z ou jouée Bob Sinclar, la levée à 14h, le repas de Pâques en regardant la finale du tournoi et la longue promenade que j’ai fait j’ai pu y passer seulement 2 heures avant d’être jetée dehors. J’ai passée pas mal de temps à rigoler avec les ingénieurs du WoKart – une “Ferrari” aquatique – et seulement après je suis montée à l’étage ou il y avait les voitures – le type de la sécurité ne voulais même pas me faire passer car c’était en fermeture, alors j’ai plantée une histoire sur ma famille qui travaillait la bas -. Je ne pensais pas de pouvoir été surprise davantage, voix du couloir disaient que la plupart de voitures étaient dehors et ça ne valait pas trop la peine, c’était une simple expo – c’est vrais qu’à moins d’avoir un intérêt particulier ou une invitation valais bien se renseigner, car le ticket pour l’entrée coûtait 50€… – mais en le savant j’aurais bien investi quand même pour y rentrer – puis je suis chanceuse donc 😉 – . Peut être que ma vision a été faussée du fait que il y avait plein de russes et qu’il ce sont adressés à moi dans leurs langue et je kiffais de pouvoir faire un peu de pratique en jouant sur le fait qu’ils avaient peine à croire que j’étais italienne soit esthétiquement soit au niveau linguistique. Je ne peut pas dire de m’être arrêtée a regarder le voitures et pouvoir donc en parler; j’ai une vision générale sublime de délices hors de prix, quelque photos sympathiques sur quelqu’une d’entre eux et voilà. Cette Pâque à été une des meilleures – et j’ai même ratée la Messe.

20140423-125839.jpg

20140423-125846.jpg

20140423-125854.jpg

20140423-125901.jpg

20140423-125910.jpg

20140423-125919.jpg

20140423-125928.jpg

20140423-125935.jpg

Была здоровья неделю в Монаке… С Rolex Master Series, Top Marques, Bob Sinclar хорошая время и была счастливая поэтому что я еще там встречалась много русских людей. Спасибо, очень приятно! Лучшие вещи в лазурной Ривьере, золотая жизнь :*

Standard
Places

Master Series Monte-Carlo 2014

20140417-213558.jpg

20140417-213407.jpg

20140417-213351.jpg

Me voilà constricted at the traditional Easter with my parents in this little glamorous town… Where else to go? I always step in the choice of being with them or not, and I still behave like the little child. Basically because there aren’t better parents in the world (mum and dad I know you’re reading); but even because owning a house in French Riviera means being constantly aware of the hottest events all over the year, and what’s the point of running around the world if the world constantly comes to you?
In this Easter week the event is the tennis tournament Master Series. It’s a coincidence, normally it falls before Easter and we had to come especially for this or to miss it. Then school, university, Erasmus where constrictive…
When I was playing tennis I was soo addicted….to players. Just kidding, I really loved playing and I actually did it for 10 years in competion, then I had to stop (health accident, and also a long passionate story with dance). Since then, I put the knowledge of tennis courts in how to move at tournaments. In 2008 nobody could stop me… From running around tennis players and the prince. I had such a crush on Rafael Nadal… I managed to come all week long, improvised to enter even without tickets, found my way under the prince on the tribune, entered the VIP village in Rome too [endless list and other details not to be written]. I was a funny 16 years old girl – and a 17 when I got a role in a film – . Now I grew older (but the wolf doesn’t lose its appetite, you’ll see later). It’s always such a pleasure to be here. The Country Club is unique. It is, as the name indicates, a club : Rome, Roland Garros, Wimbledon etc are set in courts in bigger and colder – in the sense of space and public relations’ possibilities – places. During the year you have different possibilities to attend it: either playing tennis, either enjoying the swimming-pool, massages, restaurants, shopping. It can eventually happen to see Patrick Bruel at the boutique in boxers, as it was the case once I was with mum and this guy I had never heard of was trying suits publicly. The frame is Monte Carlo… Between palaces that remember New York – as Grace Kelly wanted-, the sea, and its typical blue sky that makes you feel in a golden, lucky envelop. I’m sincere when I say I believe in an inner Paradise that makes you see everything beautiful; but I am even probably pushed to say and feel that to adapt my spirit wherever I go after having been living here. Darwin’s law means adaptation for survival, Buddhism increases it spiritually.
Casually I saw some matches today. The one that stroke me most – I am not stricken by the heads of series anymore, blessed by divinity to play as they do – with indignation was the first on the pink paper: our Italian player, Fognini, definitely lost his temper against Tsonga. He was winning..!!!And he got nervous on the 3-4 at the second set. Shame! He was the No13… That makes me think of why there have never been Italians and Russians in first positions: we have a similar, passionate temperaments. The latters had Safin, an exception: with his crazy behaviour in court he made his adversaries nervous and distracted. He was the No 1. Why when I played tennis throwing the racket didn’t help me as it did with him?
I am really happy for having revived the Masters this year, thank you parents. Today I managed: to be noticed toward many and being interviewed; was offered a great coffee with chocolates by nice guys; entered the VIP space and got champagne and chocolate (again), discussing and speaking about and in russian. Like Christ says: “chiedi e ti sarà dato, bussa e ti sarà aperto”. Many things wouldn’t have happened in my life if I wasn’t a coffee, cigarettes, chocolate, champagne, wine and vodka addict (the rest of pleasures wouldn’t be whole without most of them). Such great days and emotions the tennis can give if you bite the whole apple…
This is the beginning of the week for me, and the best might be yet to come
😉 …
Love, your tennis groupie

20140417-213429.jpg

20140417-213451.jpg

20140417-213502.jpg

20140417-213514.jpg

20140417-213533.jpg

20140417-213544.jpg

20140417-213521.jpg

20140418-234547.jpg

20140418-234554.jpg

Standard
Culture, Lifestyle

Philosophy takes life…

… And it’s life itself.

image

Si suole dire:  “impara l’arte e mettila da parte”. E con altrettanta facilità “predichiamo bene e razzoliamo male”. Sin da piccoli ci vengono imposte religioni e valori propri del posto in cui cresciamo o della cultura alla quale la famiglia appartiene; un’etica che dovrebbe accompagnarci tutta la vita. Arrivati alle superiori ci viene imposta una materia – la filosofia – che tanti arrivano a disprezzare almeno una volta studiando un determinato autore (nella fattispecie Kant – che poi ho amato – ed Hegel – che ancora mi è oscuro -) e che comunque viene macchiata dalle visioni dell’insegnante, seppur spesso inconsciamente (soffermandosi ad esempio sugli autori preferiti e tralasciandone altri).  Nonostante tutto, ne usciamo permeati di nozioni più o meno superficiali, e andiamo avanti nei differenti percorsi ricordandoci forzatamente qua e là differenti citazioni e pensieri per fare più o meno colpo sull’interlocutore. Questo è ciò che a me sembra la società: valori, filosofia studiata a bocconi, una religione alla quale tutti appartengono ma in pochi praticano. Alla fine del liceo volevo iscrivermi a filosofia ma non l’ho fatto. Amavo profondamente la materia ma mi sono resa conto che per come l’avevo studiata al liceo – leggendo i libri degli autori che volevo approfondire, senza che l’insegnante me li prescrivesse – tanto valeva sapere DI PIÙ, andare oltre. Scelsi scienze politiche rifiutando la facoltà di giurisprudenza verso la quale la famiglia mi spingeva. Rifarei questa scelta felicemente nella prospettiva di un eterno ritorno perchè mi ha consentito di toccare tante discipline diverse: politica, storia, economia, diritto, lingue straniere (ne ho certificate 4 in carriera)… Non ho mai abbandonato la filosofia per come la amavo io, continuando a leggere di tanto in tanto ciò che mi interessava. A modo mio. A modo mio come tutto, e il tutto comprende anche una visione del mondo che ha del religioso. Non possiamo predicarci amanti della vita e idealisti senza sentire un’energia intrinseca e una forza che ci fa esistere qui ed ora per una ragione. La forza che si chiama anche Dio, di cui ne siamo una scintilla. Non amo dire e fare cose imposte. Il DOVERE di essere cristiani con il battesimo. Quanto è vero che lo sono e ho sempre creduto senza abbandonare mai le immagini dei Santi che mi hanno protetta, sentivo il DIRITTO di praticare qualcosa di più vicino di ciò che è la Chiesa, nella quale ascoltiamo prediche da uomini come noi che però hanno rinunciato ai piaceri della Terra. Da anni ero affascinata dalle religioni orientali. O meglio, dalle filosofie. Filosofie applicate alla vita e non più lontane di quanto lo sia il Cristianesimo oggi. Credo nel Vangelo, ma è un’altra cosa. C’è un giudizio, non un causa-effetto di cui noi siamo consapevoli, nella prospettiva di un Kharma che si ripercuote sulla nostra scintilla sempre divina che resta in questo disegno, senza distruggersi. Dio sopra e dentro noi. L’infinito che si avvicina al nostro corpo finito e accetta la scienza, pur senza farsi condizionare da questa. Pratica quotidiana che vibra positivamente con una frase che accende quel decimo mondo della Buddità. In fondo, a che servono tante preghiere se poi rimettiamo le nostre speranze ad altro? Il Buddismo parla di infiniti mondi, la fisica quantistica di infiniti universi paralleli… Abbracciando la filosofia (tutta) ci poniamo domande alle quali troviamo una façon d’être che ci vuole vivi nella pratica. Quindi leggiamo e studiamo perché senza cultura saremmo come gli animali -il che è buddista e nobile, perché gli istinti ci sono e l’abbondanza di cibo,caccia,amore,sonno c’è-, ma poi mettiamo da parte il tutto perché ci incarniamo in un corpo e in un’epoca per viverla appieno. La vita è religione.

http://www.sgi-italia.org

It’s all about our societies, where everybody’s good giving suggestions without ever feeling your sensations. In Western societies you born Christian by law – with the baptism -, you grow up and you’re kept on fulfilled with concepts, values, morals etc. Philosophy is taught late in high school and by a perspective that can never be totally impartial as the prof can slightly focus on some authors rather than others. It’s a personal choice whether investigate more by yourself or keeping the notions like shelters to remember them in conversations where you talk about showing up some culture but without feeling them properly in yourself. Like eating and drinking without tasting. All about appearance. I wanted to study philosophy at the university – and I probably will, like third degree – but I didn’t as I would have reduced something I loved to a piece of paper. I can keep on reading books myself… But by now I want MORE. That’s why I choose the faculty in which you learn something in many scattered fields: political sciences, with its history, law, economics, languages… I haven’t heard any imposition or suggestion by my dearest, I did what I felt I should (I have always been and felt so free) and by my “egoism” I am right and they’re happy for my choice now. By Nietzsche’s eternal recurrence I would always do the same choice in the same city. I recently approached to Buddhism for the same reason: this religion is a choice. It’s about inner spirituality and cult because we are images of divine. We ourselves are Gods. This is philosophy applied to reality, what American writers preaches in books when they talk about energy fields, gratitude and so on, eg Rhonda Byrne with her best seller “The secret”. Psychiatrists writing about Journeys of souls, magic […]: all this comes from long ago, and it’s spiritual. We do need to be possessed by some beliefs, because believing makes life worth living. It makes you look at a path, influence others with your own light, accepting the consequences of cause and effect. Like material doesn’t create itself and cannot be destroyed so are our souls. Worth-full leaving the books away and make our life a divinity, interrogating ourselves on our ancestors and the hypocrisy spreading all around us!

image

Standard
Lifestyle

Paradis sur Terre

20140403-204953.jpg
Paura del vuoto una volta finiti gli esami con solo la tesi da sistemare – perché è già in stato avanzato – fino a giugno… E mi dicevo che la noia è per i poveri di spirito, che sicuramente avrei fatto qualcosa per affrontare il vuoto causato dall’assenza degli interessantissimi tomi da studiare che per me erano un piacere e soddisfazione, ma al tempo stesso un obbligo e una sfida a bruciarli accantonandoli volta per volta dopo i fatidici esami – nei quali una persona estranea ha il potere di giudicare il livello di conoscenza -, in date che segnavano un salto nel buio; un sorpasso oppure un momento di arresto. Quel giorno X che avrebbe fatto tornare sulle stesse pagine e rivedere la stessa persona giudicante (ma chi può giudicare chi?) , oppure l’alleggerimento dal fardello che grava sulla testa di uno studente nel mezzo del suo cammino di laurea. Un giorno comune per tanti; una routine per gli studiosi; un viaggio per chi cerca di imparare e sa che quel giorno rimarrà comunque impresso nel bene e/o nel male. Io ho sempre pensato a traguardi, formazione, prove per testare abilità non solo di memoria e conoscenza, ma anche essenzialmente di comunicazione. Prove nelle quali, come in tutto, la Fortuna ha la sua parte e il Destino ci indirizza in seguito verso effetti determinati dalle cause del fallimento o del successo. Adoravo gli esami perché simboleggiavano quella modalità che a volte vorremmo ritrovare nella vita: bianco o nero, passare o bocciare. Yin e Yang, l’equilibrio tra un estremo e l’altro infine andando oltre e camminando in un percorso che è un viaggio in ogni singolo istante. Poi i grigi ci sono, ma a inizio e fine è bene vedere così. Spezzare l’eterno ritorno di scelte che comportano gli stessi errori alla fine… Come dice Biagio Antonacci nella canzone che porta il mio nome: Alessandra lo sai, gli esami non finiscono mai… E infatti senza esami ed esaminatori mi ributto sulla filosofia – e anche nella pratica in seguito all’incontro con il Soka Gakkai, di un pensiero antico eppure così moderno che totalmente rispecchia ciò in cui ho sempre creduto e come realmente vivo e penso, pur richiedendo costanza come religione (ma penso di poterla assicurare, almeno in questo, dal momento che si parla di eterno cambiamento) – ma la applico in campi pratici. Filosofia nella vita che significa per quanto mi riguarda prendere l’incertezza e il rischio che ne può derivare come un fatto quotidiano. Mi metto alla prova, in diverse cose. Dico SI alle novità e a questa vita che adesso è spianata alle mie passioni profonde, visto che decido io cosa leggere, scrivere e fare. Che bello scrivere la tesi; quel testo scientifico che permette di approfondire secondo gli interessi personali un campo che nel percorso universitario ha colpito particolarmente. Un testo che per essere mandato avanti richiede voglia e curiosità. Come nella vita, quest’ultima è caratteristica delle menti grandi.  Sono sempre fuori casa e mi soffermo su tutto ciò che di nuovo accade: negozi e locali che aprono, artisti che creano, la primavera che si fa avanti.  I miei stanno pensando di affittare la mia stanza… Il paradiso è la nostra Terra, e cerchiamo di crearcelo quotidianamente vivendo e lasciando vivere! Se trovo qualche occupazione da me creata e indotta bene, perché tutto ciò che faccio è dettato da una profonda passione. Livorno ha delle possibilità che in pochi riconoscono e che vengono lasciate andare perché come nella teoria Rawlsiana a quanto pare il benessere della società dipende da quello dell’individuo che sta peggio di tutti: e invece no! C’è voglia di spendere, conoscere, festeggiare in compagnia. L’importante è avere il coraggio di uscire dal guscio e guardarsi intorno accettando i rischi derivanti dalle potenzialità dell’essere fuori in un universo pulsante. Lo so perché fortunatamente incontro persone che non la pensano così perché ci attiriamo simili compagni di viaggio per quello che può essere una sera, un mese, una vita… Chissà. Dipende da chi riesce a tenere i miei ritmi ultimamente spumeggianti. Ma… Chi l’avrebbe detto che avrei imparato a sciabolare in questa città? Basta lamentarsi, impariamo a stare bene dove siamo e ivi creare appunto un Paradiso.

Ovunque nel mondo questo luogo è dentro di noi, unici a decidere se renderlo  tale o un Inferno.

Любов – бой
Ненависть – яд
Рай становится Адом:
И Ад становится любимым местом.

.

Standard