Culture, Politics

L’Oriana

Era una grande donna, l’Oriana. Un’esponente, anzi L’esponente, di quello che io sbandiero come nuovo femminismo. Essere donne è una grande e difficile avventura, abbiamo i mezzi per potere ottenere qualsiasi risultato. Ha viaggiato ovunque ed ha vissuto una vita intensa facendo ciò che più le piaceva: scrivere. E’ brava a interpretarla Vittoria Puccini, la figlia del mio ex temutissimo prof di diritto pubblico… bella, ombrosa, e con questo idealismo velato dal cinismo. In guerra in Vietnam a scrivere mentre cadono le bombe. Un’opinione unica su qualsiasi cosa, senza avere paura di essere giudicata. Da una famiglia comunista ha maturato una sua visione unica, vedendo le cose con i suoi occhi. La ammiro molto, e per tante cose mi ci rivedo – sono grafomane anche io, ed esprimo senza timore quello che penso; ma a differenza di Oriana, per adesso non ci penso proprio ad affannarmi per articolini da due lire nella speranza di vedermi assegnato un tema sulla politica o sull’economia, perché il mondo è cambiato ed i risultati si ottengono in maniere più oblique, che comprendono anche l’uso dei social media. E’ una figura che è emersa nella nostra epoca per quest’intelligenza viva maturata in peregrinazioni pericolose, per le storie tormentate che l’hanno segnata, e per l’avere espresso in maniera cristallina un giudizio sull’Islam – e sulle donne islamiche. Giudizio molto simile del resto a quello che di mio pugno ho riportato mesi fa. Ma perché le femministe non vanno ad abbaiare in quei paesi a proposito di emancipazione infatti? Oriana è una fonte di ispirazione, ha messo avanti a tutto la voglia di verità e la passione – salvo poi commuoverci e farci riflettere con Lettera a un bambino mai nato… perché una donna può fare qualsiasi lavoro, ma quello più importante,difficile ed arricchente sarà quello di madre. Purtroppo l’ha capito tardi, ma costituisce comunque un esempio.

oriana-fallaci

<<Il comunismo proibisce alla gente di ribellarsi, governarsi, esprimersi, arricchirsi, e mette Sua Maestà lo Stato al posto dei soliti re. Il comunismo è un regime monarchico, una monarchia di vecchio stampo. In quanto tale taglia le palle agli uomini. E quando a un uomo gli tagli le palle non è più un uomo diceva mio padre. Invece di riscattare la plebe il comunismo trasforma tutti in plebe. Rende tutti morti di fame>>

<<We must take positions. Our weakness in the West is born of the fact of so-called ‘objectivity.’ Objectivity does not exist – it cannot exist!… The word is a hypocrisy which is sustained by the lie that the truth stays in the middle. No, sir: Sometimes truth stays on one side only>>

<<Alas, nothing reveals man the way war does. Nothing so accentuates in him the beauty and ugliness, the intelligence and foolishness, the brutishness and humanity, the courage and cowardice, the enigma>>

<<I have always looked on disobedience toward the oppressive as the only way to use the miracle of having been born>>

<<The larger truth, the universal truth that you can give in a novel, is far greater than what you can give through journalism>>

<<La vita ha 4 sensi: amare, soffrire, lottare e vincere. Chi ama soffre, chi soffre lotta, chi lotta vince. Ama molto, soffri poco, lotta tanto, vinci sempre>>

http://it.wikipedia.org/wiki/Oriana_Fallaci

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s