Politics

Italy for ExIt

No wonder most of the journals –  The Economist, the Financial TimesThe Huffington Post to say a few of them – and media are talking about us, the Italians who have to go to vote and save themselves from a technical government and the disruption of their banks. Gosh we are meaning something after Brexit came true and Trump was elected. The establishment would like to be reassured about us following the path into slavery of Brussels after having lost its points of referrals. Mr Trump, unlike THAT BLACK MONKEY (and I am not ashamed of calling him in a racist way, if I was in a room with Bin Laden and Stalin and I had a gun with two bullets I’d shoot him twice) in fact announced his intentions to restore the special relationship with the UK.

http://www.telegraph.co.uk/news/2016/12/01/unlike-barack-obama-donald-trump-actually-believes-britain-new/

I don’t think the European Union will come at the end of the queue anyway, as we are clearing our worms: after the hated Sarkozy was  cleared from the scene, the simply idiot Hollande “Flanby” resigned to be a candidate, and Italy has the option to choose where to be and I forecast it will vote NO to take her position between the new winners, having the possibility to choose a new premier that can stay true to the electors. Well, Renzi was never elected in fact… We were victims of a few golpes the last years. I actually like Renzi but he got spoiled by the establishment and it’s too late for him to change. This reform must be his ruin. Go beyond the tempting promises it gives: it cuts only one chamber and it will be elected completely differently by regional preferences as 95 regional counselors would be sitting there. So if eventually the government falls the Senate with its majority could sink every law passed by the opposition. Members of the Parliament would still not have to sign a mandate meanwhile and have their big immunities. So basically nothing changes – we’d go toward the worst. While if the NO wins we could write a better reform and actually vote whoever we want! This is honesty, this is a NO to the world who always denies my beautiful country.

 

Parlo agli italiani adesso e mi scuso con loro in quanto scrivo troppo spesso in inglese (troppo spesso non è corretto perché scrivo troppo poco rispetto a quanto vorrei) tradendo un po’ anche la mia ideologia nazionalista e anti globalista, contraria a questo establishment che invece vorrebbe cancellare ogni altra lingua e particolarismo per governare il mondo. Scrivo una tesi su Alexander Dugin che ha dovuto scrivere almeno 50 volumi in russo e ispirare le strategie eurasiatiche di Putin per vedere tradotti un numero esiguo di libri (e adesso tocca a me tradurre dal russo i suoi volumi di geopolitica centrali). Beh essenzialmente sto spiegando in semplici parole quanto questa riforma costituzionale faccia schifo. Se son tutti bravi a difendere la costituzione, allora perché non c’è indignazione nel fatto che questa riforma che dovrebbe cambiare per sempre il nostro sistema politico, è stata scritta e firmata da Maria Elena Boschi e Dinis Verdini – quest’ultimo grande approfittatori che in assenza di vincolo di mandato ha dato un altro colpo alla destra italiana? La costituzione è stata comunque fatta da tutti gli schieramenti politici e personalità eccelse prima di entrare in vigore nel 1948 – infatti è comunque vergognosa per il fatto di denigrare il fascismo che a parte l’alleanza con Hitler ci ha resi forti, accettando comunisti mentre in nome di quest’ultima ideologia si mietevano più vittime che con la prima. 95 senatori eletti dai consigli regionali, che si votano in date diverse dai parlamentari, senza vincolo di mandato e con ancora immunità esagerate. Ma non siete stufi di essere presi per il c**o..?? Mi dispiace per Renzi perché mi piacerebbe anche, all’inizio quasi l’avrei votato (non l’ho fatto comunque), ma è l’ultimo burattino dell’establishment rimasto, l’ultimo pedone che deve cadere per poter finalmente ricostruirci. Dopo che Sarkozy è stato eliminato pochi giorni dopo Clinton (avverando la profezia di Gheddafi),e l’adieux a “Flanby” Hollande, non possiamo rimanere indietro ai francesi – è una cosa impensabile in tutto, no? Se vince il NO non crolla il mondo e sopratutto non crollano i mercati, non dobbiamo spaventarci del terrorismo indotto da chi ci vuole comandare. Il mio pronostico l’ho fatto e come nelle altre due importanti occasioni elettorali servo da pura teorica perché pur essendo italiana non credo di poter fisicamente andare a votare perché sono in Inghilterra. Se lo cose andassero male sotto mandato di fidanzamento con gentleman dovrei finire dritta con una nuova nazionalità; un mandato piuttosto conveniente nello scenario internazionale attuale, no? Soprattutto quando si pensa di iscriversi in international relationships alla London School of Economics 😉

 

Advertisements
Standard

2 thoughts on “Italy for ExIt

  1. Francesco says:

    Ciao Alessandra, scusami se questo commento non è pertinente a questo articolo ma non sapevo dove scriverti altrimenti.
    Questo mio intervento è soprattutto un ringraziamento per ogni tuo intervento, poiché riesci ad esprimere in forma molto più raffinato anche il mio (e spero anche di altri) pensiero su quasi ogni argomento che affronti.
    Continua così, spero che riuscirai a fare strada nel tuo ambito perché abbiamo bisogno di gente così, senza peli sulla lingua, di gente tipo blondewithbrain.
    PS: Penso di poter capire quanti siano i tuoi impegni e di quanto tempo ti occupino, ma credo che dovresti dare un po’ più spazio a questo tuo blog e renderlo un po’ più noto sul web, vista la qualità di quanto scrivi.
    Ciao e buon Natal.e

    • Alessandra Cantini says:

      Grazie Francesco! É un commento molto più pertinente di quanto tu creda perché era nelle mie intenzioni dedicare più tempo alla scrittura, e quindi al blog in primis, non appena finivo gli esami. Siccome è appena successo e mi sto dedicando”solo” alla tesi, inizierò l’anno nuovo a Londra cercando ispirazioni su come dare uno spin a questo blog e alla trama di un libro che inizierò a scrivere. La blonde ha avuto il brain di iniziare questo blog, ma con la passione per la scrittura e l’attualità che ha ne è stata al contempo un po’ priva visto che aveva il miglior lavoro tra le sue dita. É bello vedere che i miei commenti toccano le persone, tra chi la pensa come me e chi è offeso (vedi la sequenza di commenti velenosi a me indirizzati sul post dopo l’elezione di Trump). Quest’anno ho avuto diversi buoni segnali. Dio non gioca a dadi con l’universo e io non credo nelle coincidenze, diceva V nel film su cui ho tirato fuori la tesi in comunicazione politica. Quindi seguirò questi segnali. Invece che da aprile, da subito!
      Carissimi auguri di buon Natale.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s