Politics

Stato di emergenza – État d’émergence 

Venerdì 13, un veritabile giorno nero. Partito bene a Livorno con una mattinata dal parrucchiere con mia madre e una partenza in orario per ritrovare la mia bambina. A casa, sistemando le valigie, la scoperta della mia borsa di Vuitton mancante, che avevo lasciato a casa proprio per non rischiare aggressioni alle stazioni… La rabbia, perché ho grossi sospetti e non sulla mia distrazione. Comunque il cercare di non pensarci e passare una buona serata in famiglia tra lo Stars’n’Bars e poi il luna Park. Un passaggio dal McCarthy’s, deserto a mezzanotte. E lì ci viene riferito l’orrore che dal ristorante sembrava distrattamente una discesa in campo di un pubblico agitato come a volte capita – tipo la partita del Milan a Marsiglia dalla quale la squadra si ritirò prendendo una sospensione. E invece….si tratta del secondo orrore concertato da questi pazzi (il primo, sempre nell’invivibile Parigi, il 7 gennaio) che adesso con gravità meritano di avere una guerra dichiarata – e un’eliminazione impietosa. È un 11 settembre che dichiara la relativa guerra dal nostro territorio. È inevitabile. Inevitabile schierarsi con la Russia a sostenere il regime di Al Assad senza schierarsi contro, perché questo é il nostro blocco. Pensavo che questo venerdì 13 avesse colpito me, ma ha colpito il mondo. Stiamo vivendo un orrore e lo riporto in prima persona dallo Stato in cui ho deciso di rimanere a vivere, 3 mesi fa. E adesso ho paura, e tutto ciò che vorrei sarebbe tornare in Toscana vicina ai miei cari (tra l’altro percepisco una risalita dell’Italia e la risurrezione del mio adorato Silvio, anche se non mi sento così insoddisfatta dell’attuale premier) o emigrare davvero fuori dall’Europa: Israele (li almeno i servizi segreti funzionano e si spara senza esitazione contro gli arabi), la Russia (fa un po’ freddo, ma é più inaccessibile e senza pietà), gli Stati Uniti. Tutto il resto é noia di fronte allo stringersi per non perdersi. Allego diversi articoli dell’Huffington post in italiano e in francese:

Parigi sotto attacco dell’Isis: colpiti Bataclan, stadio e ristornati. Almeno 158 morti, secondo Cnn. Hollande: “Risponderemo in modo spietato”

http://www.huffingtonpost.it/2015/11/13/attentati-parigi_n_8558916.html

Lucia Annunziata: L’Europa è diventato il luogo più pericoloso dell’Occidente. Aspettiamoci di tutto

http://www.huffingtonpost.it/lucia-annunziata/leuropa-e-diventato-il-luogo-piu-pericoloso-delloccidente-aspettiamoci-di-tutto_b_8561030.html

Attentati Parigi, Matteo Renzi riunisce intelligence: “Controlli intensificati su tutta Italia”

http://www.huffingtonpost.it/2015/11/14/attentati-parigi-renzi-incontra-intelligence_n_8562450.html
Attentats à Paris : le récit de la terrible soirée

http://www.huffingtonpost.fr/2015/11/14/attentats-paris-attaques-terrorisme_n_8562336.html

EN DIRECT – Attaques à Paris: l’évolution de la situation au lendemain des fusillades meurtrières qui ont fait au moins 120 morts

http://www.huffingtonpost.fr/2015/11/14/attaques-a-paris-fusillades-morts-bataclan-petit-cambodge-bilan-enquete_n_8562258.html

François Hollande décrète un deuil national de trois jours et convoque le Congrès

http://www.huffingtonpost.fr/2015/11/14/francois-hollande-deuil-national-trois-jours_n_8562670.html

Je t’attends mon amour, jamais plus tu partiras à Chamonix sans moi, l’idée d’être séparés dans cet Etat si dangereux m’epuvante desormais, j’ai tellement envie de trouver une solution et de vivre notre vie…. Les barrières ont été fermées, tu dormais donc tu t’es réveillé avec celle du Mon Blanc réouverte; mais j’ai doutée de ton voyage aujourd’hui, et d’une autre nuit loin de toi car desormais dans cet etat de guerre il n’y a rien de plus important qu’être ensemble, et s’aimer. Les plans à faire sont de plus en plus urgents. 

Standard
Culture

Woody Allen in Europe

It’s amazing how this author manages to give such deep insides in his characters. This is true for all his movies, but reaches the highest heights in the ones turned in Europe in the past years, where not only he catches them but he even places them in a particular nation’s frame. A frame given not only by that particular mentality but also by the scenarios, never left at odds. The movies and the insights I am referring to are:

  • 2005, Match Point.

main_picdownload (2)

It’s a thriller produced and filmed in London after Allen had difficulties finding financial support in New York. The cast was to be mostly english and even the plot was to be adapted to more british tastes. The drama is about morality,ambition, lust, passion, greed,money. Since the beginning the theme of relativityand possibility appears: a tennis ball is on the net, who will be the winner in this match point? Femme fatale Scarlet Johansson is the net in the match of the protagonist, a former tennis pro who’s married for ambition and is raising the social stair. The choice between passion and ambition must be taken after an accident coming purely by the fomer. This is by far one of the movies that by the end leaves the audience shocked for the depth,the cynism and the cold  it transmits. And this is by far the darker in the european serie. no wonder it takes place in London!

  • 2008, Vicky Cristina Barcelona

Vicky_cristina_barcelonaIt’s a romantic comedy drama set in Barcelona. Two girlfriends very different from temper,- Vicky studies Catalan culture and is engaged to be married while Cristina had spent the winter writing and acting in a 12 minutes film on love, ”that too vaste argument to approach in such a time”-, decides to spend their summer in the Catalan capital. They attractes the sexy painter Juan Antonio (Javier Bardem) who is still in love with his crazy and emotionally unstable ex wife Maria Elena (Penelope Cruz) though troubled. Without saying the plot, the affair gets to center on four characters, with the poor husband of Vicky out of knowledge of the meeting. On this set the beautiful couple Cruz-Bardem took shape.

bardem vicky cristina barcelona

VCB2

 

 

 

 

 

  • 2011, Midnight in Paris.

midnight-in-paris-movie

midnight in paris top post-thumb-600x400-53668It’s a romantic comedy film fantasy taking place in Paris. Gill Pender (Owen Wilson) is a romantic,dreamy screenwriter who is forced to confront the shortcomings of his relationship with his materialistic fiancée. Wondering about in Paris refusing to go at a party ,at midnight he encounters a series of people that made the literature and art of the first XXth century, – such as Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald and his funny though mad wife Zelda, Salvador Dalí, Picasso, Gertrude Stein and others-. The movie explores themes of nostalgia and modernism. The cast is excellent, and the role of Gill fits perfectly on Owen Wilson, like the one of his fiancée interpreted by Rachel McAdams,who is well remembered in Mean Girls playing the bitchy barbie queen. Though there are a lot of amusing gags and dialogues, this film makes think over the unsatisfaction we live in each historical period by dreamy eyes. This film is by far one of my favourites, because I myself am lost in contemplation of arts and especially in Paris I am head over heels… from the very beginning, that is like a postcards of that magic city, I knew I would have considered this film an absolute masterpiece, so poetic as it is. Woody Allen catches the greatest scenarios, that’s why I also liked his last film.

  • 2012, To Rome with love.

kinopoisk.ru

Always starring a great cast of actors, with some locals, this film mixes four different stories framed by the Eternal City. Italians are highly stereotyped: unfaithful, seeking a shallow success, following celebs in bed because “the situation makes the man a thief”. Though many Italians have argued against that, making it personal, I can see how we are seen by the eyes of foreigners, and Allen catches our stereotyped characteristic without neglecting the beauty we only own, with a smile. So the materialistic father in law of an Italian lawyer that wants to defend the poors manages to appreciate so much how his brother in law (an undertaker!) sings under the shower that makes of it an Opera business and around the infidelities, there are couples that truly love each other. I remember I watched this film with my grandmother, and we both enjoyed and made nice critics over it.

Thank you Woody to have gifted Europe with such artworks. One of my dreams is starring in your next one!

————————————————————————————————————————–

E’ meraviglioso come questo autore riesca a definire  i suoi personaggi. Questo è vero per tutti i suoi film, ma raggiunge le vette più alte negli ultimi girati in Europa, dove non solo li coglie, ma li inserisce anche nella propria particolare cornice nazionale. Una cornice non solo data da tale particolare mentalità, ma anche dagli scenari, mai lasciati al caso.I film a cui mi riferisco sono:

– 2005, Match Point. Thriller prodotto e filmato a Londra in quanto l’autore aveva avuto difficoltà a trovare supporto finanziario a New York, il cast è per la maggior parte inglese e anche la tramaè stata riadattata a gusti più british. La storia tratta di moralità, ambizione, avidità, passione, denaro. Sin dall’inizio appare il tema della relatività e della possibilità:  una pallina da tennis è sul net, chi sarà il vincitore di questo match point? La fatale Scarlet Johansson è il net nel match del protagonista, un ex campione di tennis che si è sposato per l’ambizione di salire la scala sociale grazie a questo matrimonio. La sceltra tra ambizione e passione tuttavia deve essere presa a seguito di un incidente che viene necessariamente da quest’ultima, nello stato più puro. Questo è di gran lunga il film che lascia più in suspence l’audience, caricandola di aspettative e infine scioccando per il cinismo e la freddezza che manifesta. Non stupisce che in questa serie europea una trama del genera prenda forma a Londra!

– 2008, Vicky Cristina Barcelona è una commedia romantica. Due amiche molto diverse caratterialmente,- Vicky studia la cultura Catalana ed è fidanzata pronta a sposarsi a breve, mentre Cristina ha passato l’inverno scrivendo e recitando in un film della durata di 12 minuti sull’amore, “quell’argomento decisamente troppo vasto per essere trattato in tali tempi”-,  decidono di passare l’estate nella capitale Catalana. Una sera attraggono l’affascinante pittore Juan Antonio (Javier Bardem), sempre preso dalla sua pazza ed emotivamente instabile ex moglie Maria Elena (Penelope Cruz) e pertanto turbato. Senza voler svelare la trama, l’affaire si sviluppa tra questi quattro personaggi, tenendo il povero futuro marito di Vicky all’oscuro delle tribolazioni. Su questo set è scoppiato l’amore tra Penelope Cruz e Javier Bardem.

– 2011, Midnight in Paris è una fantasiosa commedia romantica girata a Parigi. Gill Pender (Owen Wilson) è uno sceneggiatore romantico e sognatore alle strette nella relazione con la sua fidanzata materialista. Rifiutandosi di andare in un locale e decidendo invece di gironzolare per Parigi, è abbordato a mezzanotte da una serie di personaggi che hanno fatto la storia dell’inizio del XXesimo secolo,- Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald con la sua moglie divertente e instabile, Salvador Dalì, Picasso, Gertrude Stein etc.-. Il film tratta di temi come la nostalgia e il modernismo. Il cast è eccellente e il ruolo di Gill calza a pennello su Owen Wilson, come del resto quello della sua fidanzata che è interpretata da Rachel McAdams, ben ricordata nel ruolo della barbie Regina in Mean Girls. Nonostante le numerose gag e i dialoghi brillanti, questo film fa pensare all’insoddisfazione che potenzialmente viviamo in ogni periodo storico, con occhi sognanti. Questo è di gran lungauno dei miei film preferiti, perchè io stessa sono una contemplatrice delle arti e specialmente a Parigi ho la testa fra le nuvole e sogno… Dalle prime inquadrature che colgono la città facendone una cartolina magica sapevo che avrei considerato questo film così poetico come un assoluto capolavoro.Woody Allen coglie i migliori scenari, e questo è uno dei motivi per cui mi è piaciuto anche il suo ultimo film.

– 2012, To Rome with love.  Presentando sempre un ottimo cast di attori, tra cui anche locali questo film mescola quattro storie differenti che si sviluppano nella cornice della Città Eterna. Gli italiani sono altamente stereotipati: infedeli, alla ricerca di un fugace successo, inseguitori di avventure tra le lenzuola perchè “l’occasione fa l’uomo ladro”. Nonostante molti italiani l’abbiano presa sul personale e abbiano criticato il film, capisco come siamo visti agli occhi dello straniero, e Allen coglie queste nostre caratteristiche stereotipate senza trascurare la bellezza che abbiamo, con un sorriso. E’ così che il materialista suocero di un giovane avvocato italiano che vuole difendere i poveri aiuta il cognato (un becchino!) a fare del suo cantare sotto la doccia un business di Opera lirica. Intorno alle infedelità, ci sono coppie che si amano veramente. Ricordo di aver visto questo film con la mia nonna, entrambe ci abbiamo riso e ne abbiamo fatto un’ottima critica. Entrambe amiamo l’Italia.

Grazie Woody per avere donato all’Europa queste opere d’arte. Uno dei miei sogni e fare parte della tua prossima!

Standard
Culture, Places

Festival of lights (?)

photo-4Here’s Berlin’s Brandenburg Gate during the famous festival of lights, magnificent as you can never see . In fact, as you personally can state, the only festival was held by beggars selling umbrellas just below the monument.

Foto 5_1

Should I guess that everythig was already over at 2am?! Let’s not complain if youngsters go to Berlin to get drugs in order to feel in love for a night (ecstasy in street pills form, MDMA technically) and get stoned by electro-music. Probably the nightclubs work well like this, the strict owners make good business. I am not curious to see and know though. I am interested in history, in walking on the lines of the wall. Thinking that that small man with mustache that caused World War II was walking on the same lines when he managed to have the Reichstag burnt and held accountable for that a drunkard communist found naked behind there in order to win the elections. And that same building stands still in the same place,now renewed and as solemn as ever. But obviously, not enlightened.

Goodnight Europe, in the hands of Germans….

Standard