Culture

Woody Allen in Europe

It’s amazing how this author manages to give such deep insides in his characters. This is true for all his movies, but reaches the highest heights in the ones turned in Europe in the past years, where not only he catches them but he even places them in a particular nation’s frame. A frame given not only by that particular mentality but also by the scenarios, never left at odds. The movies and the insights I am referring to are:

  • 2005, Match Point.

main_picdownload (2)

It’s a thriller produced and filmed in London after Allen had difficulties finding financial support in New York. The cast was to be mostly english and even the plot was to be adapted to more british tastes. The drama is about morality,ambition, lust, passion, greed,money. Since the beginning the theme of relativityand possibility appears: a tennis ball is on the net, who will be the winner in this match point? Femme fatale Scarlet Johansson is the net in the match of the protagonist, a former tennis pro who’s married for ambition and is raising the social stair. The choice between passion and ambition must be taken after an accident coming purely by the fomer. This is by far one of the movies that by the end leaves the audience shocked for the depth,the cynism and the cold  it transmits. And this is by far the darker in the european serie. no wonder it takes place in London!

  • 2008, Vicky Cristina Barcelona

Vicky_cristina_barcelonaIt’s a romantic comedy drama set in Barcelona. Two girlfriends very different from temper,- Vicky studies Catalan culture and is engaged to be married while Cristina had spent the winter writing and acting in a 12 minutes film on love, ”that too vaste argument to approach in such a time”-, decides to spend their summer in the Catalan capital. They attractes the sexy painter Juan Antonio (Javier Bardem) who is still in love with his crazy and emotionally unstable ex wife Maria Elena (Penelope Cruz) though troubled. Without saying the plot, the affair gets to center on four characters, with the poor husband of Vicky out of knowledge of the meeting. On this set the beautiful couple Cruz-Bardem took shape.

bardem vicky cristina barcelona

VCB2

 

 

 

 

 

  • 2011, Midnight in Paris.

midnight-in-paris-movie

midnight in paris top post-thumb-600x400-53668It’s a romantic comedy film fantasy taking place in Paris. Gill Pender (Owen Wilson) is a romantic,dreamy screenwriter who is forced to confront the shortcomings of his relationship with his materialistic fiancée. Wondering about in Paris refusing to go at a party ,at midnight he encounters a series of people that made the literature and art of the first XXth century, – such as Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald and his funny though mad wife Zelda, Salvador Dalí, Picasso, Gertrude Stein and others-. The movie explores themes of nostalgia and modernism. The cast is excellent, and the role of Gill fits perfectly on Owen Wilson, like the one of his fiancée interpreted by Rachel McAdams,who is well remembered in Mean Girls playing the bitchy barbie queen. Though there are a lot of amusing gags and dialogues, this film makes think over the unsatisfaction we live in each historical period by dreamy eyes. This film is by far one of my favourites, because I myself am lost in contemplation of arts and especially in Paris I am head over heels… from the very beginning, that is like a postcards of that magic city, I knew I would have considered this film an absolute masterpiece, so poetic as it is. Woody Allen catches the greatest scenarios, that’s why I also liked his last film.

  • 2012, To Rome with love.

kinopoisk.ru

Always starring a great cast of actors, with some locals, this film mixes four different stories framed by the Eternal City. Italians are highly stereotyped: unfaithful, seeking a shallow success, following celebs in bed because “the situation makes the man a thief”. Though many Italians have argued against that, making it personal, I can see how we are seen by the eyes of foreigners, and Allen catches our stereotyped characteristic without neglecting the beauty we only own, with a smile. So the materialistic father in law of an Italian lawyer that wants to defend the poors manages to appreciate so much how his brother in law (an undertaker!) sings under the shower that makes of it an Opera business and around the infidelities, there are couples that truly love each other. I remember I watched this film with my grandmother, and we both enjoyed and made nice critics over it.

Thank you Woody to have gifted Europe with such artworks. One of my dreams is starring in your next one!

————————————————————————————————————————–

E’ meraviglioso come questo autore riesca a definire  i suoi personaggi. Questo è vero per tutti i suoi film, ma raggiunge le vette più alte negli ultimi girati in Europa, dove non solo li coglie, ma li inserisce anche nella propria particolare cornice nazionale. Una cornice non solo data da tale particolare mentalità, ma anche dagli scenari, mai lasciati al caso.I film a cui mi riferisco sono:

– 2005, Match Point. Thriller prodotto e filmato a Londra in quanto l’autore aveva avuto difficoltà a trovare supporto finanziario a New York, il cast è per la maggior parte inglese e anche la tramaè stata riadattata a gusti più british. La storia tratta di moralità, ambizione, avidità, passione, denaro. Sin dall’inizio appare il tema della relatività e della possibilità:  una pallina da tennis è sul net, chi sarà il vincitore di questo match point? La fatale Scarlet Johansson è il net nel match del protagonista, un ex campione di tennis che si è sposato per l’ambizione di salire la scala sociale grazie a questo matrimonio. La sceltra tra ambizione e passione tuttavia deve essere presa a seguito di un incidente che viene necessariamente da quest’ultima, nello stato più puro. Questo è di gran lunga il film che lascia più in suspence l’audience, caricandola di aspettative e infine scioccando per il cinismo e la freddezza che manifesta. Non stupisce che in questa serie europea una trama del genera prenda forma a Londra!

– 2008, Vicky Cristina Barcelona è una commedia romantica. Due amiche molto diverse caratterialmente,- Vicky studia la cultura Catalana ed è fidanzata pronta a sposarsi a breve, mentre Cristina ha passato l’inverno scrivendo e recitando in un film della durata di 12 minuti sull’amore, “quell’argomento decisamente troppo vasto per essere trattato in tali tempi”-,  decidono di passare l’estate nella capitale Catalana. Una sera attraggono l’affascinante pittore Juan Antonio (Javier Bardem), sempre preso dalla sua pazza ed emotivamente instabile ex moglie Maria Elena (Penelope Cruz) e pertanto turbato. Senza voler svelare la trama, l’affaire si sviluppa tra questi quattro personaggi, tenendo il povero futuro marito di Vicky all’oscuro delle tribolazioni. Su questo set è scoppiato l’amore tra Penelope Cruz e Javier Bardem.

– 2011, Midnight in Paris è una fantasiosa commedia romantica girata a Parigi. Gill Pender (Owen Wilson) è uno sceneggiatore romantico e sognatore alle strette nella relazione con la sua fidanzata materialista. Rifiutandosi di andare in un locale e decidendo invece di gironzolare per Parigi, è abbordato a mezzanotte da una serie di personaggi che hanno fatto la storia dell’inizio del XXesimo secolo,- Ernest Hemingway, Scott Fitzgerald con la sua moglie divertente e instabile, Salvador Dalì, Picasso, Gertrude Stein etc.-. Il film tratta di temi come la nostalgia e il modernismo. Il cast è eccellente e il ruolo di Gill calza a pennello su Owen Wilson, come del resto quello della sua fidanzata che è interpretata da Rachel McAdams, ben ricordata nel ruolo della barbie Regina in Mean Girls. Nonostante le numerose gag e i dialoghi brillanti, questo film fa pensare all’insoddisfazione che potenzialmente viviamo in ogni periodo storico, con occhi sognanti. Questo è di gran lungauno dei miei film preferiti, perchè io stessa sono una contemplatrice delle arti e specialmente a Parigi ho la testa fra le nuvole e sogno… Dalle prime inquadrature che colgono la città facendone una cartolina magica sapevo che avrei considerato questo film così poetico come un assoluto capolavoro.Woody Allen coglie i migliori scenari, e questo è uno dei motivi per cui mi è piaciuto anche il suo ultimo film.

– 2012, To Rome with love.  Presentando sempre un ottimo cast di attori, tra cui anche locali questo film mescola quattro storie differenti che si sviluppano nella cornice della Città Eterna. Gli italiani sono altamente stereotipati: infedeli, alla ricerca di un fugace successo, inseguitori di avventure tra le lenzuola perchè “l’occasione fa l’uomo ladro”. Nonostante molti italiani l’abbiano presa sul personale e abbiano criticato il film, capisco come siamo visti agli occhi dello straniero, e Allen coglie queste nostre caratteristiche stereotipate senza trascurare la bellezza che abbiamo, con un sorriso. E’ così che il materialista suocero di un giovane avvocato italiano che vuole difendere i poveri aiuta il cognato (un becchino!) a fare del suo cantare sotto la doccia un business di Opera lirica. Intorno alle infedelità, ci sono coppie che si amano veramente. Ricordo di aver visto questo film con la mia nonna, entrambe ci abbiamo riso e ne abbiamo fatto un’ottima critica. Entrambe amiamo l’Italia.

Grazie Woody per avere donato all’Europa queste opere d’arte. Uno dei miei sogni e fare parte della tua prossima!

Standard
Culture, Places, Politics

Stay unemployed where you are

….or fly far far away from Europe.
Berlin today:

P_20131014_142501 P_20131014_142713 P_20131014_143303 P_20131014_143442 P_20131014_152632 P_20131014_153029

Those are important places in the city: Under den Linden (viale dei tigli), St. Edwige’s cathedral and the sorroundings of the museum’s island. The city is literally infested of works and there’s no mention of that by the travel agencies. So, if you’re planning a luxury week end in a hotel around Friedrichstrasse for instance, or even in Pariserplatz (where Brandenburg Gate is located) be prepared to be awakened by the scaring enormous tools used to destroy and rebuild in German style. I wouldn’t be surprised to hear that the best employments are engineers and carpenters. And public security indeed.

Conoscete il detto livornese ”meglio disoccupato a Livorno che ingegnere a Milano”? Direi che è meglio essere ingegnere in Germania ma per il resto mi chiedo come mai tutte le politiche europee ruotano intorno a questo paese. Bella la mia Italia con i suoi palazzi millenari e bella Roma caotica perché ogni volta che cercano di scavare una nuova linea metropolitana bloccano i lavori perché trovano resti antichi! Abbiamo talmente tanto SENSO CIVICO che preferiamo l’affascinante fatiscenza della nostra grandezza (in barba a Putnam e i sociologi americani che ci portano come esempio contrario).
Ce ne freghiamo ma fa parte del nostro carattere, è ciò che forma la nostra identità no? Menefreghisti e non, si può solo apprezzare la storia che si respira nel nostro paese, con tutte le differenze che ci sono tra città e città. Milano è obiettivamente grigia e triste,ma ha il suo bello che rimarrà integro: i Navigli, il Duomo, Brera…
Poi in Italia abbiamo la moda e una lunga lista di cose che vengono differentemente in mente a ciascuno, perché la nostra caratteristica in quanto italiani è l’individualismo. Salvo poi accettare il colpo di stato che ha messo quel burattino delle banche tedesche al governo ed essere rovinati finanziariamente a livello personale e statale in nome di uno Spread inventato, o che comunque poteva non interessarci. E nonostante il fallimento del Monte dei Paschi che corrispondeva all’ IMU quello pseudoeconomista continua ad avere un posto in governo. In Italia in politica tutto è concesso (da noi più che dagli altri, dalla tradizione Machiavelliana), perché tutto è pseudocapito e accettato passivamente.
Ma essere burattini dei tedeschi no eh. Ma come abbiamo fatto a pensare che la stessa moneta potesse andare bene in due paesi così differenti? Beh, io non l’ho mai pensato, a 10 anni già notavo che se giocare alle macchinette sulla spiaggia prima costava 50 lire dal 2002 erano diventati 50 cent. Esempio micro percepito da una bambina, ma il problema era ed è più vasto.
E poi piangiamo sul latte ormai versato e cerchiamo di convincerci che era necessario.
Niente è necessario, tutto è utile; ma le nostre sono buche nel senso più macro del termine. Anch’io non posso che lamentarmi e accettare, ma non voglio disinteressarmene. Potendo viaggiare porgo uno sguardo comparativo sul mondo, l’Europa e l’Italia. Perché il nostro è il paese più bello del mondo; e lo sappiamo, e lo amiamo, e l’odiamo. Ma un italiano vero non potrà mai amare di più la Germania! Mandiamo a quel paese la Merkel e bruciamo i resti di Priebke morto nella nostra patria a 100 anni (nonostante lo stile di vita dev’essere arrivato a quell’età proprio grazie a noi)!!
Buon appetito, da Berlino con amore…

Currywurst

Currywurst, typical German dish.

Xx, A.

Standard